I lavori dei gispolotti “cronisti per un giorno”

Una settimana fa avevamo chiesto ai nostri gispolotti di inventarsi analisti concentrandosi su un match di rugby internazionale. Purtroppo il blocco delle competizioni causato dal coronavirus ci ha impedito di assistere in diretta a Galles – Scozia, ma le risorse del web ci sono corse in aiuto e lo spunto di analisi consegnato ai ragazzi riguardava l’ultimo incontro giocato prima dello stop: Scozia vs Francia di domenica 8 marzo 2020

Qui il compito originale da cui sono partiti i ragazzi : “diventiamo cronisti per un giorno”

Di seguito potrete leggere le ottime analisi di Jacopo Giachini dell’under 14 e Iacopo Bettarini dell’under 10

  • La traccia elaborata da Jacopo Giachini:

Scozia-Francia è stata la terza partita del 4 turno del Sei Nazioni 2020, è stata vinta dalla Scozia per 28-17, questa è la mia analisi della partita. Il punto forte della Scozia a mio parere è stato l’intervento difensivo e il lavoro nel breakdown, infatti ci sono stati 197 placcaggi effettuati con 17 placcaggi dominanti e 4 turnover, invece la Francia ha trovato il suo punto forte nell’attacco grazie a una buona prestazione offensiva dei due mediani: Antoine Dupont e Matthieu Jalibert.
Un fattore che ha penalizzato la Scozia sono stati i molti errori di handling, mentre quello che ha penalizzato molto la Francia è stata la disciplina, con un cartellino giallo, uno rosso e molti falli.
Il tema e lo stile di gioco della Francia è stato uno stile “abrasivo”, con tante fasi penetranti vicino al punto d’incontro, sfruttando sia gli avanti che i tre quarti per cercare di stringere la difesa per poi aprire il pallone a largo o fare un cross kick, mentre la Scozia ha cercato di “avventurarsi” più a largo tramite penetrazioni lontane dalla ruck e passaggi lunghi per i tre quarti.
Da mio punto di vista il punto di rottura della partita è stato il cartellino rosso a Mohamed Haouas al 36′ per aver dato un pugno al flanker della Scozia Jamie Ritchie, questo fatto ha lasciato la Francia con un uomo in meno per quasi tutto il secondo tempo.
I tre giocatori più influenti nella partita sono stati: Jamie Ritchie per gli avanti, che ha saputo dare un ottimo contributo alla partita tramite i suoi placcaggi, i suoi avanzamenti, e le sue doti in touche, per la mediana scelgo Antoine Dupont, che nonostante sia nella squadra perdente ha saputo dare un buon ritmo al gioco e ha saputo sfruttare l’uso del piede in maniera ottimale, per i tre quarti scelgo Sean Maitland per le sue due mete e per un ottimo lavoro offensivo. 
Una cosa che mi ha colpito è stato il grande lavoro da parte dei due flanker scozzesi Ritchie e Watson che hanno portato a casa un gran numero di placcaggi, turnover e avanzamenti. 

  • Il video di Iacopo Bettarini, Under 10